Perle di musica ucraina
featured

    Mykola Lysenko (1842 – 1912)
    Canzone triste
    "Momento di disperazione"

    Alois Jedlischka (1821 – 1894)
    Fantasia su canzoni popolari ucraine (Natalka Poltawka)

    Mykola Lyssenko (1842 – 1912)
    Rapsodia su temi ucraini (Dumka-Schumka) Nr. 2, op. 18

    Wiktor Kosenko (1896 – 1938)
    Tre mazurche op. 3


     Pause

    Wasyl Barwinskyj (1888 – 1963)
    Preludio Nr. 1, Preludio Nr. 2, Preludio Nr. 3 dalla: 5 Preludi

    Lewko Rewutzkyj (1889 – 1977)
    Canzone op.17

    Valentin Silvestrov (* 1937)
    Tre Bagatellen op. 1
    Quattro pezzi op. 2 (Ninna nanna, Pastorale, Bagatelle, Postludio

    Ihor Schamo (1925-1982)
    dalla „ Suita ucraina“
    Canzone
    Vesnjanka

La pianista Violina Petrychenko vede la sua missione nel farvi conoscere meglio la musica e la cultura ucraina. Dopo i tragici eventi in Ucraina, suona ancora di più musica della sua terra natale nei suoi concerti e vuole dimostrare quanto sia ricca e varia la cultura ucraina. In questo programma conduce attraverso l'intera storia della musica ucraina.

Pochi conoscono il nome di Alois Jedlichka, ma è uno dei pionieri della musica ucraina e ha composto la prima fantasia per pianoforte "Natalka Poltavka" - come illustrazione per l'opera di I. Kotlyarevsky. La base del suo lavoro era la raccolta e l'elaborazione di canzoni popolari ucraine

Mykola Lysenko, un compositore romantico che è considerato il fondatore della scuola di compositori ucraini, un importante musicista che, come molti altri, è rimasto sconosciuto in Europa. Gli elementi folcloristici costituivano la base delle sue composizioni. Un perfetto esempio di questo è "Dumka - Schumka", scritto nello stile virtuoso di Franz Liszt. Il lato malinconico del compositore può essere sentito nella "Canzone triste" e nel "Momento di desperazione".

La maggior parte del programma presenta i compositori vissuti all'inizio del XX secolo: Kosenko, Barvinsky e Revutzkij.

Come studente di Lysenko, Levko Revuzkij ha assunto gran parte della sua tradizione. Il terrore stalinista gli fece una grande impressione e lo portò a una crisi mentale e alla sua rinuncia a comporre in tenera età. Il suo periodo creativo è durato solo cinque anni. Da un lato, la sua „Canzone“” è estremamente poetica e melodica, eppure anticipa lo sviluppo della musica moderna.

Lewko Revuzkij, da parte sua, ha influenzato in modo significativo il lavoro di Igor Schamo. Era affascinato dall'idea di utilizzare elementi folcloristici nella musica classica.

Wiktor Kosenko è un compositore di poesie: la sua musica è piena di sottili stati d'animo di tristezza e malinconia. Con il suo lavoro ha creato un'unità organica del melos ucraino e le conquiste della musica dell'Europa occidentale.

“Un compositore senza spartiti” – così si definì V. Barvinsky verso la fine della sua vita. Il suo destino è tragico. Ha vissuto il terrore stalinista, ha dovuto stare nel GULAG per dieci anni e le suoi opere sono state pubblicamente bruciate. Tuttavia, ha continuato il suo lavoro e ha dato un contributo significativo allo sviluppo della cultura ucraina. Il suo contributo più importante risiede nella letteratura pianistica. Della sua musica è stato detto: “Nessuna nota nelle sue composizioni è superflua. Perché ogni nota, non importa quanto piccola, è un intero cosmo a cui Barvinsky non avrebbe rinunciato per nessun tesoro al mondo".

La musica di Valentin Silvestrov, noto anche come il maestro del silenzio, emana un'atmosfera molto speciale. La sua musica dà al programma un tocco meditativo. Lui stesso dice che viviamo in un mondo troppo rumoroso; la sua musica si muove tra pp e mp. Spesso i motivi brevi hanno un effetto significativo. Per Silvestrov c'è un significato profondo in particolare nelle bagatelle: l'espressione di sé diretta, spontanea e improvvisata. "L'essenziale può spesso nascondersi nelle piccole cose", dice il compositore.